Ascolta il tuo cuore..e va dove lui ti porta.

“ABBI CURA DI TE.

OGNI VOLTA IN CUI, CRESCENDO, AVRAI VOGLIA DI CAMBIARE LE COSE SBAGLIATE IN COSE GIUSTE, RICORDATI CHE LA PRIMA RIVOLUZIONE DA FARE È QUELLA DENTRO SE STESSI, LA PRIMA E LA PIÙ IMPORTANTE.

LOTTARE PER UN’IDEA SENZA AVERE UN’IDEA DI SÈ È UNA DELLE COSE PIÙ PERICOLOSE CHE SI POSSA FARE.

OGNI VOLTA CHE TI SENTIRAI SMARRITO, CONFUSO, PENSA AGLI ALBERI, RICORDATI DEL LORO MODO DI CRESCERE. RICORDATI CHE UN ALBERO CON MOLTA CHIOMA E POCHE RADICI VIENE SRADICATO AL PRIMO COLPO DI VENTO, MENTRE UN ALBERO CON MOLTE RADICI E POCA CHIMA CRESCE A STENTO.

RADICI E CHIMA DEVONO CRESCERE IN EQUAL MISURA, DEVI STARE NELLE COSE E STARCI SOPRA, SOLO COSÌ POTRAI OFFRIRE OMBRA E RIPARO, SOLO COSÌ ALLA STAGIONE GIUSTA POTRAI COPRIRTI DI FIORI E FRUTTI.

E QUANDO POI DAVANTI A TE SI APRIRANNO TANTE STRADE E NON SAPRAI QUALE SCEGLIERE, NON IMBOCCARNE UNA A CASO, MA SIEDITI E ASPETTA.

RESPIRA CON PROFONDITÀ FIDUCIOSA, SENZA FARTI DISTRARRE DA NIENTE, ASPETTA E ASPETTA ANCORA.

STAI FERMO, IN SILENZIO, E ASCOLTA IL TUO CUORE.

QUANDO POI TI PARLA, ALZATI E VA DOVE LUI TI PORTA…”

(Susanna Tamaro)

Annunci

3 Responses to Ascolta il tuo cuore..e va dove lui ti porta.

  1. Irish Coffee ha detto:

    uno dei libri più belli che abbia mai letto
    ho riconosciuto subito le parole, ti restano dentro 🙂

  2. Roberto ha detto:

    La prima sezione civile della corte d’appello di Milano ha emesso la sentenza esecutiva di condanna a morte per una persona in coma.
    Una donna di 36 anni sarà fatta morire di fame e di sete.
    Chi la frequentava prima che si addormentasse sostiene che lei avrebbe voluto così.
    Questa donna dorme da 16 anni dunque non ha più il diritto di vivere.
    E poi ha chiesto lei di essere soppressa.
    Anche una persona sveglia a cui venisse proibito di mangiare e di bere morirebbe.
    Ma ad una persona sveglia che chiedesse di morire di fame e di sete, sarebbe concesso?
    O si farebbero delle discriminazioni.
    E ancora, morire di fame e di sete è atroce e forse nemmeno gli anestetici che la corte di Milano con incredibile clemenza ha concesso alla trentaseienne dormiente potranno lenire completamente le sue sofferenze.
    A questo punto non era meglio un revolverata in testa?

    Quanto scritto qui è raccapricciante, ma se qualcuno ha argomenti per sostenere che non corrisponde al vero, possiamo discuterne.

  3. Chiara ha detto:

    Non sono d’accordo con te. Ho sempre sostenuto che fra i diritti di una persona ci sia anche quello di morire, quindi quello che la famiglia sta cercando di fare non mi scandalizza per niente, anzi! Io stessa ho detto più volte ai miei parenti che se un giorno dovessi trovarmi nelle stesse condizioni, non vorrei assolutamente restare in un letto come un vegetale!
    Con questo, non intendo che uno non possa scegliere diversamente, ci mancherebbe!! Però mi dà fastidio continuare a sentir parlare di diritto alla vita, quando in realtà quello che intendete è un DOVERE alla vita!
    Se sono cosciente posso rifiutarmi di mangiare e bere per morire, ma se non lo sono non posso? Perchè? Il mio pensiero non cambia (anche perchè nelle situazioni di cui stiamo parlando non esiste più un pensiero razionale, e lo stesso cervello è in necrosi)!
    In fin dei conti perchè non è possibile dichiarare in anticipo cosa voglio o non voglio fare del mio corpo, se un domani non sarò più in grado di disporne a mio piacimento? Il testamento biologico non sarebbe obbligatorio (dunque se è contrario alla tua fede religiosa puoi benissimo fare a meno di farlo, però puoi lasciare liberi gli altri).
    E infine, perchè devo per forza morire di fame e di sete? Perchè non legalizzare l’eutanasia? Al solito, perchè i laici devoti (cioè la maggior parte degli italiani, che fa quello che vuole ma deve proclamarsi cristiana e imporre uno stile evangelico agli altri) si oppongono. Ma se io mi voglio ammazzare, chi sei tu per impedirmelo?
    L’unica cosa che mi consola è che peggio di così l’Italia non può fare…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: