CAMMILLERI SU FERRARA

febbraio 19, 2008

E’ incredibile la vera e propria gara che tutti stanno facendo per dissuadere Ferrara dal presentare alle elezioni una sua lista «di scopo», cioè esclusivamente contro l’aborto.

Anche le gerarchie ecclesiastiche paiono titubare e preferire, al solito, «un ampio dibattito» con toni «pacati» e purché non ci sia –il Cielo ne scampi- «scontro ideologico».

Berlusconi, da parte sua, ha declinato la richiesta di apparentamento con la lista in questione perché sa bene che nel suo partito ci sono un sacco di ex socialisti, liberal-massoni e radicali. Lui, almeno, è un certo senso giustificato. Ma ci sarà di ridere, eccome, se alle elezioni la lista di Ferrara piglierà qualcosa di più del 2-3% che gli augurano.

Ci sarà di scompisciarsi, anzi, se questa lista verrà votata a valanga da tutti gli antiabortisti d’Italia e tra gli italiani all’estero. Ci sarà da morire dalle risate se la lista suddetta farà un exploit che nessuno si aspetta (e augura) e scombinerà tutti, ma proprio tutti, i giochi.

Anche (e forse soprattutto) quelli del centrodestra, che già si stropiccia le mani certo della vittoria. Se Ferrara non sarà dissuaso dal presentare questa benedetta lista, io la voterò. E’ troppo tempo che non mi faccio una bella risata di cuore. (Pensiero di Cammilleri su Giuliano Ferrara)

Annunci

GIULIANO FERRARA: una lista pro-life alle elezioni di aprile

febbraio 13, 2008

<C’é chi parla delle licenze dei tassisti, chi della privatizzazione di Alitalia, chi delle tasse che vanno abbassate: l’aborto é almeno altrettanto (se non di più, aggiungerei io) importante.>

È con queste parole che Giuliano Ferrara, il battagliero direttore de “Il Foglio” si lancia, anzi si rilancia, nella politica. Lo fa come suggerisce non solo il suo soprannome, con l’irruenza di un elefante in una cristalleria.

Il titolo dato alla campagna elettorale é un po’ birichino : “fate l’amore, ma non l’aborto”.

Se fino a una settimana fa l’ ipotesi di presentarsi davvero alle elezioni del 13-14 aprile appariva come una classica boutade in stile ferrariano, negli ultimi giorni l’elefantino ha addirittuara mandato avanti i sondaggisti per misurare la fattibilità dell’impresa. I dati dicono che se Belusconi accettasse un apparentamento con la nuova lista, Ferrara otterrebbe tra il 4 e il 6%. Per ora il ledear del Popolo della Libertà snobba l’amico e Ferrara si dice disposto a correre anche in solitaria, magari presentandosi solo al Senato.

Vi allego il sito della moratoria sull’aborto (Lettare al segretario generale delle Nazioni Unite) : MORATORIA SULL’ABORTO

Da parte de Lin4matore un grande in bocca al lupo a Ferrara per la nuova battaglia che sta intraprendendo.

sterob


Un dettaglio inquietante nella nuova enciclica di Benedetto XVI, “Spe Salvi”

dicembre 10, 2007

di Antonio Socci – Da “Libero, 8 dicembre 2007”

C’è un personaggio inquietante e apocalittico che Benedetto XVI evoca, a sorpresa, nella recente enciclica “Spe salvi“: l’Anticristo. Per la verità il papa non cita direttamente questo oscuro soggetto che è drammaticamente preannunciato fin dal Nuovo Testamento, ma lo chiama in causa attraverso una citazione di Immanuel Kant che fa una certa impressione rileggere in questi tempi in cui l’Europa sembra in guerra contro la Chiesa, spesso strumentalizzando alcuni gruppi sociali (come gli immigrati musulmani o le donne o gli omosessuali) per sradicare le radici cristiane e per limitare la libertà dei cattolici e della Chiesa. Scriveva Kant: “Se il cristianesimo un giorno dovesse arrivare a non essere più degno di amore (…) allora il pensiero dominante degli uomini dovrebbe diventare quello di un rifiuto e di un’opposizione contro di esso; e l’anticristo (…) inaugurerebbe il suo, pur breve, regime (fondato presumibilmente sulla paura e sull’egoismo). In seguito, però, poiché il cristianesimo, pur essendo stato destinato ad essere la religione universale, di fatto non sarebbe stato aiutato dal destino a diventarlo, potrebbe verificarsi, sotto l’aspetto morale, la fine (perversa) di tutte le cose”.

Il Papa sottolinea proprio questa possibilità apocalititca che viene affacciata da Kant secondo cui l’abbandono del cristianesimo e la guerra al cristianesimo potrebbero portare a una fine non naturale, “perversa”, dell’umanità, a una sorta di autodistruzione planetaria, sia in senso morale che in senso materiale (e un tale orrore, peraltro, è oggi nelle possibilità teniche dell’umanità). Essendo l’enciclica un testo molto rigoroso e ponderato, è da escludere che Benedetto XVI abbia evocato l’Anticristo e la “fine dell’umanità” a caso.

Il suo pensiero peraltro è del tutto lontano da suggestioni millenaristiche, c’è dunque da credere che se richiama questi temi scorga veramente nel nostro tempo un confronto drammatico e mortale fra Bene e Male. Oltretutto già in un’altra recente occasione è stata evocata e ben meditata, in Vaticano, la figura dell’Anticristo. E’ accaduto quest’anno, il 27 febbraio, negli esercizi spirituali predicati al Papa dal cardinale Biffi (immagino che i temi siano stati concordati): si è meditato proprio sulla profezia dell’Anticristo (vedi “Le cose di lassù”, ed. Cantagalli). Biffi ha citato infatti il “Racconto dell’Anticristo” di Vladimir Solovev scritto nella primavera 1900, come avvertimento al XX secolo che era agli albori. In quelle pagine il personaggio apocalittico veniva eletto “Presidente degli Stati Uniti d’Europa” e poi acclamato imperatore romano.

“Dove l’esposizione di Solovev si dimostra particolarmente originale e sorprendente e merita più approfondita riflessione” spiega Biffi “è nell’attribuzione all’Anticristo delle qualifiche di pacifista, di ecologista, di ecumenista”. Praticamente un campione perfetto del politically correct. Ecco le parole di Solovev: “Il nuovo padrone della terra era anzitutto un filantropo, pieno di compassione, non solo amico degli uomini, ma anche amico degli animali. Personalmente era vegetariano… Era un convinto spiritualista”, credeva nel bene e perfino in Dio, “ma non amava che se stesso”.

In sostanza questa figura – l’antagonista di Gesù Cristo – si presenterebbe, secondo un’antica tradizione, con gli aspetti più seducenti, una contraffazione dei “valori cristiani”, in realtà rovesciati contro Gesù Cristo, quelli che oggi carezzano il senso comune. L’Anticristo di questo racconto infatti tuona: “Popoli della terra! Io vi ho promesso la pace e io ve l’ho data. Il Cristo ha portato la spada, io porterò la pace”. Parole in cui molti sentono echeggiare quell’accusa al cristianesimo (che sarebbe causa di intolleranza e conflitti) oggi tanto diffusa. Tuttavia si sbaglierebbe a ritenere che il Papa stigmatizzi solo e semplicemente l’anticristianesimo dilagante a causa del laicismo, sebbene così aggressivo e pericoloso. C’è molto di più nei suoi pensieri. Proprio Ratzinger, da cardinale, in una memorabile conferenza a New York, il 27 gennaio 1988, davanti a un uditorio ecumenico, soprattutto di teologi, citò lo stesso racconto di Solovev esordendo così: “Nel ‘Racconto dell’Anticristo’ di Vladimir Solovev, il nemico escatologico del Redentore raccomandava se stesso ai credenti, tra le altre cose per il fatto di aver conseguito il dottorato in teologia a Tubinga e di aver scritto un lavoro esegetico che era stato riconosciuto come pionieristico in quel campo. L’Anticristo un famoso esegeta!”.

Questo discorso fu ripetuto dal cardinale anche a Roma, davanti a una platea di teologi cattolici. Molti, in quelle platee, trovarono sicuramente “provocatoria” questa citazione, sia pure espressa con la pacatezza tipica di Ratzinger che esorta tutti, sempre, a riflettere. Essa però esprime la consapevolezza dell’attuale pontefice – e prima di lui di Paolo VI e di Giovanni Paolo II – che il pericolo non viene solo dall’esterno, da una cultura avversa e da forze anticristiane, ma anche dall’interno, da “un pensiero non cattolico” che dilaga nella stessa cristianità, come denunciò con parole drammatiche Paolo VI quando arrivò a parlare del “fumo di Satana” dentro il tempio di Dio.

Che nella Chiesa, specialmente negli ultimi pontefici, sia diffusa la sensazione di vivere tempi apocalittici (non necessariamente “la fine dei tempi”, ma forse i tempi dell’Anticristo) appare evidente da tanti loro pronunciamenti. Inoltre fa riflettere, anche in Vaticano, la gran quantità di “avvertimenti” soprannaturali, che vanno in tal senso, contenuti in “rivelazioni private” a santi e mistici e in apparizioni di quesi decenni: in qualcuna di esse si afferma addirittura che l’Anticristo sarebbe un ecclesiastico di questo tempo (un “pastore idolo” che sconvolgerà la vita della Chiesa), ma è un’immagine che molti interpretano come riferita a un “pensiero non cattolico” dentro la Chiesa, fenomeno che in effetti è ben disastrosamente visibile. Dà un quadro ragionato e illuminante di tutto questo padre Livio Fanzaga nel volume, appena uscito, “Profezie sull’Anticristo” (Sugarco). Un quadro prezioso per comprendere il senso e la preoccupazione di tanti interventi pontifici. Angosciati sia per le sorti della fede che per le sorti dell’umanità.

La particolare attenzione della Santa Sede all’Italia è dovuta al fatto che qui il peso dei cattolici ha dato – come ha sottolineato il Papa stesso – il segnale di una inversione di tendenza rispetto alle devastazioni anticristiane e nichiliste del resto d’Europa. La Chiesa cioè scommette sull’Italia per riportare l’Europa alle sue radici cristiane e alla fede. Per questo allarma fortemente che in questi giorni, nel Palazzo della politica, si tenti di soppiatto – con la connivenza di alcuni cattolici – di reintrodurre un “reato di opinione riferito alla tendenza sessuale” (come lo definisce “Avvenire”) che apre la strada alla “demoralizzazione” del Paese e domani potrebbe fortemente minacciare la stessa libertà della Chiesa di insegnare la sua morale. Oltretutto tale limitazione alla libertà di pensiero e di parola viene pretesa in nome di un’ideologia libertaria, paradosso che fa riflettere amaramente oltretevere, dove questi scricchiolii sono percepiti come pericolosi avvertimenti prima di un possibile crollo.


Il ruggito di Beppe Grillo: video alla TSI

settembre 18, 2007

Beppe Grillo, l’uomo che sta sconvolgendo la politca italiana, parla alla televisione svizzera di lingua italiana. Il video é andato in onda a Falò giovedì sera.

E’ ora di dire basta! Basta con una classe politica parassita, basta con deputati condannati, ma pur sempre in parlamento. L’Italia politica è scossa dallo schiaffo sferrato da un comico Beppe Grillo che è riuscito a portare in piazza di 220 città centinaia di migliaia di persone per la giornata del V-day. Tacciato di qualunquismo, di demagogia da alcuni settori della politica, corteggiato da altri, il caso Grillo sembra aver colpito nel segno, in un momento in cui il distacco tra politica di palazzo e società civile sembra diventato incolmabile e allarmante. A Falò Beppe Grillo con la sua solita verve, tra ironia e sarcasmo, scatena il suo sfogo e parla dei suoi obiettivi. (tratto da http://www.rtsi.ch)

Buona visione

VIDEO: IL RUGGITO DI BEPPE GRILLO

Sterob