666- quando tutto sembra caso…

settembre 11, 2008

666

E poi dicono che non è vero che Torino faccia parte del «triangolo magico», che non sia una città «esoterica».

Quando il papa Giovanni Paolo II, a suo tempo, la visitò, gridò a braccio: «Torino, convertiti!». E fu subissato di contumelie. Come si permetteva? Il fatto è che, pare, quel papa «mistico» aveva avvertito come qualcosa di maligno nell’aria.

Torino, tuttavia, vanta un’altissima percentuale di Santi. Dunque, non ci sarebbe nulla di strano, in una prospettiva cattolica, se i diavoli l’avessero in particolare uggia. Ora, apprendo che in data 10 settembre 2008 il consiglio comunale ha approvato la costruzione del grattacielo Intesa-San Paolo, che i committenti volevano alto m. 190. Ma il consiglio ha preteso che l’altezza fosse ridotta a m. 166,66. Per non risultare più alto della Mole Antonelliana, ha spiegato il sindaco.

Certo, è singolare la precisione di quel numero: 166, 66. Voi mi direte che sto facendo il fissato e che il «Numero della Bestia» nell’Apocalisse ha un «6» in meno. E avreste ragione. Che ci volete fare?

La cosa mi diverte. Mi ricordo, infatti, che il medesimo sindaco vinse su Buttiglione nelle elezioni del maggio 2006 con la seguente percentuale: 66,6%. Via, ridiamoci su…

tratto da antidoti. Rino Cammilleri.

Annunci

“una medaglia ha sempre 2 facce”

luglio 14, 2008

Qualche giorno fa mi trovavo in vacanza al mare. Come tutte le mattine prima di andare in spiaggia, mi recai dal giornalaio. Nutro l’abitudine di comprare sempre due quotidiani, uno per schieramento politico (uno di “sinistra” e uno di “destra”). Quella mattina decisi di acquistare “Repubblica” e “Libero”.

Nel leggere il quotidiano profilato a sinistra (Repubblica) trovai un intera pagina che trattava il tema dell’eutanasia. Si parlava di Eluana, (donna di 36 anni, in coma da 16, che sarà fatta morire di sete e di fame) di Piergiorgio Welby, e di altri personaggi che hanno deciso di “smettere di soffrire”.

Nell’articolo venivano, a mio avviso in modo assolutamente scorretto, trattati SOLO i casi sfociati con la decisione di “farla finita”. Tutti sappiamo invece che un qualsiasi lavoro definito rispettabile, da voce a entrambe le parti, espone le 2 facce della medaglia, non inganna il lettore facendo trapelare solo la parte che piace allo schieramento politico padrone del giornale..

L’interrogazione che pongo anche a voi lettori é la seguente: È corretto dare spazio solo a chi ha deciso di smettere di vivere? Non sarebbe stato più corretto dare voce anche a chi ha invece deciso di continuare a vivere? Perché nell’articolo non si parla di Salvatore Crisafulli?


Ascolta il tuo cuore..e va dove lui ti porta.

maggio 25, 2008

“ABBI CURA DI TE.

OGNI VOLTA IN CUI, CRESCENDO, AVRAI VOGLIA DI CAMBIARE LE COSE SBAGLIATE IN COSE GIUSTE, RICORDATI CHE LA PRIMA RIVOLUZIONE DA FARE È QUELLA DENTRO SE STESSI, LA PRIMA E LA PIÙ IMPORTANTE.

LOTTARE PER UN’IDEA SENZA AVERE UN’IDEA DI SÈ È UNA DELLE COSE PIÙ PERICOLOSE CHE SI POSSA FARE.

OGNI VOLTA CHE TI SENTIRAI SMARRITO, CONFUSO, PENSA AGLI ALBERI, RICORDATI DEL LORO MODO DI CRESCERE. RICORDATI CHE UN ALBERO CON MOLTA CHIOMA E POCHE RADICI VIENE SRADICATO AL PRIMO COLPO DI VENTO, MENTRE UN ALBERO CON MOLTE RADICI E POCA CHIMA CRESCE A STENTO.

RADICI E CHIMA DEVONO CRESCERE IN EQUAL MISURA, DEVI STARE NELLE COSE E STARCI SOPRA, SOLO COSÌ POTRAI OFFRIRE OMBRA E RIPARO, SOLO COSÌ ALLA STAGIONE GIUSTA POTRAI COPRIRTI DI FIORI E FRUTTI.

E QUANDO POI DAVANTI A TE SI APRIRANNO TANTE STRADE E NON SAPRAI QUALE SCEGLIERE, NON IMBOCCARNE UNA A CASO, MA SIEDITI E ASPETTA.

RESPIRA CON PROFONDITÀ FIDUCIOSA, SENZA FARTI DISTRARRE DA NIENTE, ASPETTA E ASPETTA ANCORA.

STAI FERMO, IN SILENZIO, E ASCOLTA IL TUO CUORE.

QUANDO POI TI PARLA, ALZATI E VA DOVE LUI TI PORTA…”

(Susanna Tamaro)


REGALIAMO UN SORRISO

maggio 6, 2008

DESIRE’E

HA BISOGNO

DI TE

Desirée è una bimba di 4 anni affetta da encefalopatia per nascita prematura ,non cammina,non sta in piedi da sola,da quando aveva circa sette mesi ad oggi la famiglia quotidianamente,la porta a fare fisioterapia presso un centro AIAS d’un paese vicino,ma i risultati non sono dei più gratificanti. Trascorre il suo “tempo libero” tra le braccia dei familiari,e segiolini terapeutici,a volte inadeguati.
Dalla fine dell’anno scorso seguendo il caso dei bimbi Azzurra e Riccardino, i familiari son venuti a conoscenza del centro “Therapies4kids”,dove si trova quest’ultimo,e dove la mamma di lui conferma che il piccolo già stà seduto da solo,ciò che non riesce ancora a fare la piccola Desirèe.

E’ una clinica pediatrica della Florida che usa il metodo Therasuit e lavora con la terapia dell’ossigeno iperbarico. Il caso della bimba è già stato esaminato dalla d.ssa Christine Traxler specialista di questo centro , che visionando tutte le cartelle cliniche di Desirèe ha dato conferma della possibilità di migliorare la sua situazione.
Il prospetto economico del primo ciclo di terapia in Day Hospital( tre mesi )è di circa 70.000 $
a questa somma vanno aggiunti quelli per il viaggio aereo e l’alloggio per almeno tre persone.
Le possibilità economiche della famiglia non possono sobbarcare tutte le spese occorrenti, si chiede solodarietà per dare una mano a questa dolce bimba che ha bisogno d’ognuno di voi,che dovrebbe riuscire a partire entro il prossimo mese di maggio per il suo viaggio della speranza.
La mamma mette il suo cuore tra le vostre mani,per garantire al suo piccolo angelo un futuro,migliore del triste presente,e dice: NON E’ SOLO MIA FIGLIA, MA LA FIGLIA DI TUTTI.
Puglia Rossella Maria :
c.c.p.4 3 1 5 1 7 5 2
Paese : IT ; Check : 38 ; Cin I ; Abi : 07601 ; Cab : 16500
PER EVENTUALI CONTATTI :
e – mail
www.coccinella@live.it
tony.miuccio@tiscali.it


PER MAGGIORI

INFORMAZIONI:

http://www.desireehabisognodite.blogspot.com/


ci sei, Felicità?

aprile 24, 2008

FELICITÀ.

Filosofi, ecclesiastici, scrittori, pscicologi, … ne parlano continuamente.

Sempre di più é al centro dell’attenzione dei media.

Infiniti i fiumi di parole scritti da “esperti”, dove ognuno sembra avere la ricetta infallibile…

Ma esiste davvero?


Maledetta adolescenza

aprile 6, 2008

Questa settimana su “Panorama” compare un intervista esclusiva a Veronica, ragazza che all’età di 16 anni, uccise insieme a 2 sue amiche, Suor Maria Laura di Chiavenna. La ragazza (oggi ha 25 anni) racconta nell’intervista la sua storia, tra carcere e tribunali, dolore e paura.

Nell’intervista Veronica racconta le sue esperienze adolescenziali, dall’alcool al sesso, fino alla droga, racconta il motivo di simili comportamenti.

Dell’intervista mi ha colpito particolarmente uno scritto di Veronica:

” Terza fila, banco di destra. Lezione di matematica, quella di fianco a me scrive sul diario, cuoricini e stelline danzano sul nome dell’amato. Anch’io sto scrivendo. Sulla mia pelle, con la punta del compasso. Ho 12 anni, il dorso della mano inizia a sanguinare. E più la mano sanguina più cresce il bisogno di tagliare, sempre più giù, nella carne.

Aspetto fiduciosa l’arrivo del dolore…prima o poi dovrà far male, lo sappiamo tutti no? Se c’é una ferita c’é il dolore: la ferita c’é, ma niente dolore. Inizio a preoccuparmi scavo, sempre più giù: ormai é carne viva, ma il male, quel bastardo non c’é, si é nascosto, ha mandato al suo posto un piacere sottile, indecifrabile. Sono disorientata. Ho bisogno di sentir male, per sentire che ci sono, che sono esattamente come la mia compagna di banco, come il professore e la bidella, come tutto il resto di questo folle mondo. Dov’é il mio dolore? Ho dodici anni. Non provo dolore, sono una bambola con la manina tutta graffiata, sono solo un giocattolo rovinato…quasi mi butto via. Ma dove si buttano i giocattoli di carne? Non basta certo un sacco nero. No, con le brutte bambole semivive ci vuole metodo, si butta via un pezzo alla volta…Da dove inizio???”

L’intervista conclude con una richiesta esplicita di Veronica ai giornalisti e a tutti i lettori:

DIMENTICATEMI, MI SONO FATTA RAGGIUNGERE (dai giornalisti) per non essere più inseguita. Non rimandatemi all’inferno.


NON ABBIATE PAURA!!

marzo 10, 2008

 Cristo sa!

cosa é dentro l’uomo..

..solo lui lo sa!